Home > Cosa possiamo fare


SALUTE E IGIENE
Le malattie dovute all’acqua non potabile e alla mancanza delle basi dell’igiene uccidono molte più persone ogni anno che tutte le forme di violenza, compresi i conflitti di guerra. I bambini sono i più esposti, visto che non sono abbastanza forti da combattere diarrea, dissenteria e altre gravi patologie.Il 90% dei 30.000 morti causati ogni settimana sono bambini sotto i 5 anni di età, deceduti a causa dall’acqua non potabile e di scarse condizioni di igiene. Il rapporto WHO sancisce che più di 3.6% delle malattie nel mondo possono essere sradicate semplicemente migliorando le forniture di acqua potabile, di servizi igienici e di igiene.nddd.
.
.
.
.
.
.

tanksDONNE E BAMBINI Solo nelle regioni africane, le persone passano 40 miliardi di ore ogni anno per recarsi a piedi alla fonte di acqua più vicina. Questo compito spetta spesso alle donne e ai bambini che camminano per chilometri per raggiungere la fonte d’acqua, e spesso questa non è riparata e quindi soggetta a varie contaminazioni.

Il tempo passato a camminare e le malattie conseguenti all’acqua non potabile allontanano i bambini dalla scuola, le donne dal lavoro e dalla loro famiglia. Inoltre durante il percorso del loro cammino sono spesso soggetti a minacce e aggressioni sessuali. Con una fonte di acqua potabile nelle vicinanze, le donne sarebbero libere di perseguire nuove opportunità e di migliorare la qualità di vita delle loro famiglie..
.
.
.

ECONOMIA & COMUNITA’

water02 water03 water04
 Alimentare il nostro mondo impiega fino a 90% delle risorse d’acqua. Quando un progetto d’acqua viene costruito in una comunità povera, le persone possono usare la nuova fonte d’acqua per creare piccoli orti vicino alle proprie case e quindi costruirsi una piccola provvista di cibo. L’autosufficienza delle famiglie comporta una diminuzione dei conflitti, della carestia e di servizi pubblici inadeguati. __ Nella maggior parte delle comunità nel mondo, le adolescenti e le donne in generale sono incaricate per la raccolta dell’acqua per le loro famiglie. Costruire una fonte d’acqua potabile vicina alla comunità può dare a queste la possibilità di studiare o di avere un altro lavoro e guadagnare di più. Inoltre, i Comitati dell’Acqua sono spesso e volentieri la prima chance data alle donne dei villaggi di ricoprire una carica da leadership. __ Alla fine del 2012, abbiamo raggiunto un primo vero grande traguardo: abbiamo servito tre milioni di persone. Le previsioni per il 2050 però stimano una crescita della popolazione di altri tre miliardi di cui il 90% nei paesi in via di sviluppo. Salvo che siano rapidamente predisposte altre fonti di acqua potabile, le regioni che sono già carenti di acqua potabile saranno in una situazione di grave sofferenza.